Accesso ai servizi

Ponte del Diavolo (Ponte Ercole)

Ponte del Diavolo (Ponte Ercole)


Nel territorio comunale di Polinago, al confine del punto di incontro con i comuni di Lama Mocogno e Pavullo nel Frignano, si trova una caratteristica struttura naturale. Il Ponte del Diavolo è un monolite che congiunge i lati di un avvallamento, alto 3 metri e lungo 33. Si tratta di un’unica roccia arenaria immersa in una fitta boscaglia e modellata a forma di arco dall’erosione e dagli agenti atmosferici. Il ponte è percorribile a piedi e, rivolgendo lo sguardo a nord, offre una visione panoramica di Polinago. Il sito, in cui sono stati rinvenuti anche insediamenti e necropoli del periodo romano, è raggiungibile, facendo trekking o in mountain bike, dalla frazione di Brandola oppure dai comuni di Lama Mocogno e Pavullo.

La leggenda del Ponte del Diavolo raccontata in dialetto da Antonio Mazzieri

Me nona l’am cunteva: tent an fà,


(te da ster a saver), un cuntadin


e gheva tra i soo chemp e la so cà


quol ch’es psiva ciamer un fusadlein


quand l’era sac. Ma cumal cuminceva


a piover, sia in autun che in primavera,


in un mod tel ast fos e s’ingruseva


che ad pasel, piò en ghera la manera.


E alura ast cuntadein, ch’l’eva da fer


un gir bel long par pser paser dadlà


se vliva la so tera lavurer,


e tacheva a biastmer da fer pietà.


Nà volta, che piò i Sent de Paradis,


e la Madona, e Dio l’urandiva


cun biastamm ch’al fumeven a l’impruvis


es vdé daventi al dievel che ridiva.


Al dievel in cherna ed osa che t’egh fa:


— Me a so, cher e me omm, cusa et’g avree


par paser cumudament ander zà e là...


Un punt, sicura, a me ast voo a pree


fet’l aver a e pin prest, ma a un pat precis:


Quend at mor la to anma a la voi me —


E cuntadin en gh’stè a penser: decis


e cuntrat e stricheva le par lè.


Al dievel, galantomm ’na nota scura


in cema al spal un gren punt e tulè


par purtel suvra e fos; ma in t’na radura


vers Pracanina, in mez a un castagnè


suquenti stregh èv deè, che nà manfrina


al fev’n alegri, cun di gren saltin.


Al dievel ès fermò a dèr ’na guardadina


pò e pansò ben ad fer un arpusin.


E pugiò e punt. Al stregh in girotond


cun i soo sèlt an la finiven mai.


Guardandli al dievel ès gudiva un mond


quend, a un trat es santè canter di gai.


Nemigh ’d la lus ch’la stèva p’r arivèer


cun e sul ’dl’èiba, via che scapò


e e punt, che a e cuntadin l’éva d’andèr,


duve e l’èva pugià e t’al lasò.


E in mèz a i castagnè, in cla radura,


ancora dop tènt an e punt l’è là


e, in arcòrd ad la so infèernel natura


<<Punt dal diével» da tòt e vèn ciamà.