Il Santo di Gombola

La storia del “Santo” di Gombola è difficilmente documentabile e spesso sconfina nella leggenda.

Ecco come ne scrive don Paride Candeli nel suo libro dedicato a Gombola (Gombola di Polinago – Editrice Teic Modena 1986).

 

Sono ben poche le parrocchie che possono dire di avere avuto un santo. Mocogno, Cadignano e Gombola della Valrossenna hanno avuto questo privilegio. Mocogno ha dato i natali al beato Marco, Cadignano al beato Giacomo e Gombola al venerabile Antonio Macchia.

Il nostro servo di Dio nacque nel 1639 da Filippo Macchia e Giovanna Alcini, genitori ricchi di fede ed anche di beni di fortuna. Antonio venne educato cristianamente e, quantunque agiato, abituato ad una vita di sacrificio.

Nel 1672, all’eta di 33 anni, sposò una certa Maria Lusignoli di Monzone. Da questo matrimonio nacquero sei figli: due morirono bambini; degli altri, uno di nome Filippo si fece sacerdote ed esercitò il suo ministero prima a Polinago come cappellano e poi a Brandola come arciprete. Dopo 14 anni di matrimonio gli venne a mancare la moglie Maria. Il figlio più giovane aveva soltanto 8 anni.

Consigliato saggiamente da persone vicine, Antonio si sposò di nuovo con certa Domenica Perrotti, sorella dell’arciprete di Polinago.

Nel 1694, appena cinquantacinquenne, moriva dopo avere speso la sua breve vita nel santo timore di Dio e nel lavoro.  Antonio Macchia prima di morire fece testamento: l’atto autografo è conservato nell'archivio parrocchiale di Gombola. ·

Fu sepolto sotto il pavimento della chiesa. A quei tempi molti, per privilegio particolare, venivano sepolti in chiesa in posto riservato. Il fatto che sia stato sepolto accanto all'altare maggiore ci induce a pensare che anche in vita abbia occupato un posto di notevole prestigio.

Per quasi due secoli il santo riposò nel sarcofago presso l'altare maggiore. L'8 Maggio 1830, dovendosi rifare il pavimento della chiesa, mentre si guastava il vecchio venne trovato il corpo incorrotto di Antonio Macchia. Erano trascorsi 136 anni dalla sua morte. Fu pure rinvenuta intatta la cappa di Confratello del SS. Sacramento che indossava quando fu inumato. L’avvenimento suscitò grande commozione non solo in Gombola, ma anche nelle parrocchie vicine. L'urna con la salma mummificata di Giovanni Antonio Macchia fu poi sistemata in una stanza tra la chiesa e la canonica e divenne subite meta di pellegrinaggi.

Più volte il vescovo e l’ufficiale sanitario fecero pressione presso il parroco, perchè i resti del Macchia fossero trasferiti nel cimitero; ma la gente di Gombola era ormai troppo legata a quel santo che, come si diceva, era stato voluto dal destino ed era tornato  alla luce miracolosamente dopo due secoli di oscurità.

L’unico trasferimento si ebbe nel 1959, quando dalla chiesa parrocchiale fu portato nell’oratorio della B.V. del Carmine. Proprio in questa circostanza si attribuì al santo un miracolo.

Un bambino di 9 anni, Agostino Cabri, affetto da una malformazione ad una gamba, seguiva il trasporto della salma implorante fervorosamente la guarigione. Nella successiva visita medica non  gli venne più riscontrata alcuna malformazione.

L'arciprete di Gombola don Paolo Casolari (1803-1853) scrisse le memorie di Antonio Macchia e in esse troviamo raccontate diverse grazie ottenute per sua intercessione. La gente di Gombola lo chiama  “il santo” e continua a venerarlo anche nel luogo ove ora è sistemato, cioè nella cappella del Carmine posta vicino al cimitero.

Qualcuno potrà chiedersi: quale fu ed è l'atteggiamento ufficiale della Chiesa?

In data 31 Dicembre 1832 don Casolari scrisse al vescovo:  “In una camera attigua alla chiesa e stata fatta un’urna attaccata al muro entro la quale sta serrato con chiave il corpo ritrovato del fu Antonio Macchia, il quale non cessa di essere ammirato e visitato da forestieri con certa religiosa curiosità, appagata la quale partono contenti.

Non potendosi questo chiamare culto, ciononostante per ovviare a qualunque sospetto di culto indebito, desidera il parroco attuale qualche  determinazione del superiore in proposito”.

Per quante ricerche abbiamo fatto, non  ci è stato possibile ritrovare risposta alcuna da parte dell’autorità ecclesiastica …

 

Proprietà dell'articolo
creato:lunedì 26 aprile 2010
modificato:lunedì 17 maggio 2010