Comune>Ordinanze

Limitazione dei consumi di acqua potabile proveniente dalla rete idrica per il periodo 01/08/2017 – 30/09/2017.

(Estratto ORDINANZA N. 606 DEL 01/08/2017)

Il Sindaco, con ordinanza n. 606 del 01/08/2017

ORDINA

per il periodo dal 01/08/2017 al 30/09/2017

IL DIVIETO DI UTILIZZO DI ACQUA POTABILE PER USO EXTRADOMESTICO DALLA RETE
ACQUEDOTTISTICA RELATIVAMENTE ALLE SEGUENTI ATTIVITÀ:

¨ irrogazioni di orti e giardini (se non espressamente autorizzati);
¨ lavaggio aree cortilive;
¨ lavaggio di piazzali;
¨ lavaggio autoveicoli e motoveicoli privati (se non autorizzati espressamente);

PRESCRIVE

1. i cantieri edili dovranno fare uso razionale dell’acqua, limitandone il consumo allo stretto
necessario e sempre con prelievo da contatore debitamente installato dal Gestore del Servizio
idrico;
2. per tutti gli impianti sportivi si adottino condizioni razionali di utilizzo dell’acqua, in quanto tali
utilizzi possono penalizzare fortemente i sistemi acquedottistici locali, specialmente nei fine
settimana;
3. i prelievi d’acqua dalla rete idrica sono consentiti esclusivamente per normali usi domestici,
agricoli, zootecnici e per tutte le altre attività autorizzate per le quali si necessiti l’utilizzo di
acqua potabile;
4. l’Amministrazione Comunale si impegni a valutare settimanalmente la possibilità di modificare
la presente ordinanza;

INVITA

La cittadinanza ad un utilizzo limitato, responsabile e razionale della risorsa idrica al fine di
inutili sprechi.

DISPONE

¨ che la mancata osservazione alle disposizioni della presente ordinanza comporta l’applicazione
della sanzione amministrativa da 51,00 A 154,00 Euro. Ai sensi della Legge 24/11/1981, n. 689:
¨ che la verifica dell’osservanza alle disposizioni della presente ordinanza sia demandata al Corpo
di Polizia Municipale;
¨ l’invio di una copia della presente ordinanza a:
o HERA Modena
o Prefettura Modena
o Comando Polizia Municipale

Avverso la presente ordinanza è ammesso, nel termine di 60 giorni dalla pubblicazione all’ Albo Pretorio del
Comune, ricorso al Tribunale Amministrativo di Bologna ( Legge n. 1034/71 ) oppure, in via alternativa,
ricorso straordinario al Presidente della Repubblica , da proporre entro 120 giorni dalla notificazione ( D.P.R.
n. 1199/71 ).



Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 2 agosto 2017
modificato:mercoledì 2 agosto 2017